Formazione "il FIGLIO dell'UOMO" ARGOMENTO dalla STAMPA QUOTIDIANA

FORMAZIONE

il FIGLIO dell'UOMO

ONLUS - ASSOCIAZIONE CATTOLICA

E-mail: studiotecnicodalessandro@virgilio.it

Siti Internet: http://www.cristo-re.eu ; http://www.maria-tv.eu ;

http://www.vangeli.net ; http://www.mondoitalia.net ;

http://www.web-italia.eu ; http://www.engineering-online.eu;

2009 dal 5 al 12 Aprile

8a SETTIMANA MONDIALE della Diffusione in Rete Internet nel MONDO de

" i Quattro VANGELI " della CHIESA CATTOLICA , Matteo, Marco, Luca, Giovanni, testi a lettura affiancata scarica i file cliccando sopra Italiano-Latino Italiano-Inglese Italiano-Spagnolo

L'ARGOMENTO DI OGGI

Aderite all"

ORDINE LAICO dei " CAVALIERI del FIGLIO dell'UOMO" per VIVERE il VANGELO, Diventate CAVALIERI del FIGLIO dell'UOMO vivendo la Vostra VITA in FAMIGLIA e sul LAVORO secondo VIA, VERITA' VITA

dai GIORNALI di OGGI

Energia, per le rinnovabili è l'ora della maturità

dall'inviato Luca Salvioli

27 marzo 2009

Un impianto nel Parco Eolico nel Comune di Surbo in provincia di Lecce (LaPresse)

VIDEO

Arriva l'eolico da appartamento

Tegole fotovoltaiche e illuminazione a Led

La telecamera che vede le dispersioni di energia

2009-03-27

Ingegneria Impianti Industriali

Elettrici Antinvendio

ST

DG

Studio Tecnico

Dalessandro Giacomo

SUPPORTO ENGINEERING-ONLINE

 

L'ARGOMENTO DI OGGI

 

il SOLE 24 ORE

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.ilsole24ore.com

2009-03-27

Energia, per le rinnovabili è l'ora della maturità

dall'inviato Luca Salvioli

27 marzo 2009

Un impianto nel Parco Eolico nel Comune di Surbo in provincia di Lecce (LaPresse)

VIDEO

Arriva l'eolico da appartamento

Tegole fotovoltaiche e illuminazione a Led

La telecamera che vede le dispersioni di energia

Napoli - Micropale eoliche da installare sui tetti di piccole aziende agricole o case di campagna, con la promessa di diventare presto appetibili per le aree urbane. Tegole fotovoltaiche pronte per i tetti delle case o degli edifici di interesse storico: il silicio è integrato nella struttura già nella fase di realizzazione, risolvendo una volta per tutte l'impatto visivo della tecnologia che traduce l'energia del Sole in corrente elettrica. E ancora, soluzioni per sfruttare le biomasse a fianco di semplici pannelli fotovoltaici e solare termico. Le idee per la nuova energia sgomitano per farsi notare. E' il caso delle piccole turbine per sfruttare il vento offerte da Newtark o EolPower, spin-off accademico dal gruppo di ricerca Adag dell'Università Degli Studi di Napoli Federico II. Costano intorno ai 3mila euro per KW installato e promettono il ritorno dell'investimento in circa quattro anni. Un mercato che muove i primi passi anche in Italia, soprattutto da quando, a gennaio, è diventato operativo l'incentivo di 30 centesimi per KWh prodotto. Si distinguono anche le tegole fotovoltaiche di Elettro Sannio, appena brevettate, nate dalla collaborazione con la Seconda università degli Studi di Napoli e l'Enea. Il fronte della produzione di energia da fonti rinnovabili è certamente protagonista dell'EnergyMed, la fiera dedicata alla nuova energia in corso a Napoli, ma non è il solo. Mette a fianco pubblico e privato, fenomeno tutt'altro che semplice nel nostro Paese. Aziende e università puntano sulla ricerca di nuove modalità di produzione energetica che non comportino l'emissione di CO2, ma anche sull'efficienza e il risparmio energetico. Aziende come Telenia offrono la loro soluzione di illuminazione a Led ad amministrazioni pubbliche e aziende private, mentre la Flir presenta una telecamera a infrarossi in grado di passare le facciate o gli interni degli edifici centimetro per centimetro in cerca di punti di dispersione di calore.

Da Napoli, nella giornata di inaugurazione, è emerso un messaggio chiaro: l'energia verde è un settore strategico e anticiclico, in grado di contribuire alla soluzione della sicurezza energetica, del riscaldamento globale e della recessione. Purchè ci sia la volontà politica di farlo. Gennaro Improta, presidente del comitato scientifico dell'Anea, che ha organizzato l'evento, ha ricordato come si parli ormai "da tempo delle energie rinnovabili, solo che vengono intese come la cenerentola dell'energia, la componente radical chic. Questo periodo è finito. Il discorso energetico si porta avanti solo con una decisa volontà politica". Su questo fronte Andrea Cozzolino, assessore regionale alle Attività Produttive, ha sottolineato la valenza dello sviluppo delle fonti rinnovabili in Campania: "Siamo al 19,8% di attivazione delle fonti rinnovabili rispetto al tetto del 20% fissato per il 2010. Ci candidiamo ad essere una regione leader, magari in sinergia con altre regioni per realizzare la piattaforma delle fonti rinnovabili nel Mediterraneo. In particolare vogliamo attivare una filiera industriale per le rinnovabili e quindi non solo la progettazione e l'attuazione delle fonti''. Regione e Comune hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per il finanziamento di edifici pubblici del Comune partenopeo destinato alla solarizzazione di 42 scuole napoletane. Antonio Costato, vice presidente per l'Energia e il Mercato di Confindustria, ha aggiunto: "I piano energetici devono prevedere una pianificazione nazionale, non locale. In questo caso un ipotetico un federalismo energetico potrebbe risultare un grave danno per tutti. In particolare bisogna prevedere infrastrutture di rete altrimenti quanto viene creato per le energie rinnovabili non serve a molto. Lo stesso Obama, che ora viene preso come modello di riferimento, nel suo piano di rilancio energetico presentato di recente, ha 19 miliardi di dollari per le reti di trasmissione, 30 miliardi per l'efficienza e 5 miliardi per le rinnovabili".

L'ormai onnipresente Jeremy Rifkin ha accompagnato la presentazione del piano regionale con una lezione sulla "sua" terza rivoluzione industriale. Il concetto ormai è noto, molto ambizioso e divide gli spettatori tra scettici ed entusiasti: passare dalla seconda rivoluzione industriale, quella del petrolio, ad una fase di sviluppo sostenibile dove i primi protagonisti sono gli abitanti del pianeta, le loro abitazioni e automobili. Da consumatori a produttori di energia, secondo il modello della rete internet. Un nuovo approccio che sorpassi "un'era segnata dal disfacimento dell'economia globale, la crisi energetica e quella ambientale" all'insegna della produzione energetica da fonti rinnovabili su piccola taglia. Ogni casa diventa un nodo energetico "intelligente", grazie ad una nuova generazione di reti elettriche che permette a ognuno di produrre e consumare in base ai bisogni, dando il suo contributo alla collettività. Gli ha fatto eco Robert F. Wescott, presidente della Keybridge Research LLC, con un intervento più analitico costellato da una miriade di dati e studi sui diversi filoni delle energie rinnovabili. Emerge che le tecnologie per sfruttare sole, vento, acqua, maree e calore della Terra hanno dei notevoli margini per quanto riguarda la riduzione del prezzo di produzione per kilowatt. Altro tema decisivo: "L'efficienza degli edifici entro il 2050 potrà ridurre i consumi del 45%". Infine, il nucleare. "E' un tema che divide, ma la prima necessità è fare una scelta chiara ha concluso Wescott se un Paese decide di puntarci deve farlo al 100% e senza indugi. Serve un quadro di certezza perché gli investimenti siano convenienti".

27 marzo 2009

 

Decollano le micro-pale gestite in casa

di Luca Salvioli

commenti - |Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci

L'ecosistema economico della microgenerazione e della generazione distribuita, ovvero quel segmento della produzione di energia rinnovabile "fatta in casa", o comunque integrata in prossimità di scuole, ospedali, piccole industrie, gruppi di aziende agricole, aspettava i decreti attuativi del l'ultima Finanziaria del governo Prodi (2008) da un anno.

Il Dm 18 dicembre 2008 segna un passo importante per lo sviluppo del settore: adesso per l'energia elettrica prodotta e immessa in rete da impianti eolici di potenza non superiore a 200 kW e da impianti alimentati da fonti rinnovabili di potenza non superiore a 1 MW si possa scegliere, su richiesta del produttore, tra i certificati verdi e una tariffa fissa omnicomprensiva di entità variabile, per una durata di 15 anni.

In pratica viene esteso un meccanismo di incentivazione simile al Conto energia fotovoltaico, che infatti è escluso dalla novità legislativa, alle altre fonti. Per il mini eolico la tariffa, che durerà 15 anni, sarà di 0,30 euro per kWh. "In Italia per il mini-eolico c'è un potenziale enorme spiega Simone Togni, segretario generale del l'Anev, associazione nazionale energia del vento stimabile intorno a 1-2 Twh annui".

In Italia, per la verità, il movimento è iniziato prima dell'approvazione del decreto: esistono già diversi produttori, come Ionica Impianti, Terom, Bluminipower, Siper, Ropatec e Tozzi Nord. La prospettiva è quella di "concepire gli edifici in modo che agiscano, per alcune parti o globalmente, come dispositivi concentratori di vento", spiega Lorenzo Battisti, ingegnere, docente all'Università di Trento, nel capitolo dedicato al minieolico all'interno del volume Nuove vie del vento, a cura di Luciano Pirazzi e Antonio Gargini (Franco Muzzio editore). Battisti coordina il campo eolico sperimentale di Trento (www.eolicotrento.ing.unitn.it): l'energia del vento ha ormai raggiunto livelli di affidabilità notevole sulla grossa taglia, ma per quanto riguarda la microgenerazione gli studi e lo sviluppo sono molto recenti, per questo si tratta ancora di un settore sospeso tra uno spicchio di presente e molte aspettative per il futuro.

Le possibilità di integrazione del piccolo eolico nelle aree urbane, e non solo su agriturismi o case di campagna, è coerente con l'obiettivo di abbattimento della CO2 nelle città. L'impianto eolico viene "integrato nella struttura stessa del l'edificio scrive Pirazzi dove troverà collocazione assieme ad altri impianti di conversione di fonti rinnovabili, quali ad esempio gli impianti fotovoltaici che si prestano all'integrazione con la fonte eolica". Anche perché il vento spesso abbonda di notte, quando il sole riposa. "In termini elettrici il contributo che il segmento può dare è elevato conclude Togni . Ma può fare molto anche in termini culturali, avvicinando chi produce a chi consuma energia".

luca.salvioli@ilsole24ore.com

 

 

CORRIERE della SERA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.corriere.it

2009-03-27

 

 

REPUBBLICA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.repubblica.it/

2009-03-27

 

 

 

 

L'UNITA'

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.unita.it

2009-03-27

 

 

 

 

il SOLE 24 ORE

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.ilsole24ore.com

2009-03-27

 

 

AVVENIRE

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.avvenire.it

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STAMPA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.lastampa.it/redazione/default.asp

2009-03-13

 

 

 

 

 

LA GAZZETTA del MEZZOGIORNO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_homepage_03.php?IDCategoria=1

2009-03-13

 

 

 

 

IL GIORNALE

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.ilgiornale.it/

2009-03-13

 

 

 

 

L'OSSERVATORE ROMANO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.vatican.va/news_services/or/home_ita.html

2009-03-13

 

 

 

IL MATTINO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.ilmattino.it/

2009-03-13

 

 

 

 

La GAZZETTA dello SPORT

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.gazzetta.it/

2009-03-13

 

 

 

 

 

CORRIERE dello SPORT

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.corrieredellosport.it/

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

L'ESPRESSO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://espresso.repubblica.it/

2009-03-13

 

 

 

 

PANORAMA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.panorama.it/

2009-03-13

 

 

 

 

FAMIGLIA CRISTIANA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.italysoft.com/news/famiglia-cristiana.html

http://www.sanpaolo.org/fc/default.htm

2009-03-13

 

 

SORRISI e CANZONI

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.sorrisi.com/sorrisi/home/index.jsp

2009-03-13

 

 

 

 

 

PUNTO INFORMATICO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.italysoft.com/news/il-punto-informatico.html

2009-03-13

 

 

 

 

 

EUROPA QUOTIDIANO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.europaquotidiano.it/site/engine.asp

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

 

WALL STREET ITALIA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.wallstreetitalia.com/

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

 

IL SECOLO XIX

http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/

LIBERO

http://www.libero-news.it/

IL MONDO

http://www.ilmondo.rcs.it/

MILANO FINANZA

http://www.milanofinanza.it/

MOMENTO SERA

http://www.momentosera.it/home.php

ITALIA OGGI

http://www.italiaoggi.it/

LA NAZIONE

http://www.momentosera.it/home.php

IL FOGLIO

http://www.ilfoglio.it/

 

IL MANIFESTO

http://www.ilmanifesto.it/

 

 

 

 

 

 

 

GENTE VIAGGI

http://www.genteviaggi.it/

AUTO OGGI

http://www.inauto.com/speciali/autooggi/index.html

QUATTRO RUOTE

http://www.quattroruote.it/

INTERNAZIONALE

http://www.internazionale.it/home/

 

 

ARCHEOLOGIA VIVA

http://www.archeologiaviva.it/

AUDIO REVIEW

http://www.audioreview.it/

IL FISCO

http://www.ilfisco.it/

STAR BENE

http://www.starbene.it/

ABITARE

http://abitare.it/

BRAVA CASA

http://atcasa.corriere.it/

DONNA MODERNA

http://www.donnamoderna.com/home/index.jsp

SECONDA MANO

http://www.secondamano.it/

PC WORLD

http://www.pcworld.it/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FINANCIAL TIMES

http://www.ft.com/home/europe/

EL PAIS

http://www.elpais.com/global/

 

LE MONDE

http://www.lemonde.fr/

THE NEW YORK TIMES

http://www.nytimes.com/

THE WALL STREET JOURNAL

http://europe.wsj.com/home-page

MAIL & GUARDIAN

http://www.mg.co.za/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla HOME PAGE

Edito in Proprio e Responsabile STUDIO TECNICO DALESSANDRO GIACOMO

Responsabile Per. Ind. Giacomo Dalessandro

Riferimaneti Leggi e Normative : Michele Dalessandro - Organizzazione, impaginazione grafica: Francesca Dalessandro